copyright ©  www.ecodellabrigna.it  -  realizzato e curato da Vincenzo Di Grigoli
periodico bimestrale di informazione religiosa cultura e attualità
CO DELLA BRIGNA
n°131 online n°131 online Add your one line caption using the Image tab of the Web Properties dialog
Add your one line caption using the Image tab of the Web Properties dialog
e
Add your one line caption using the Image tab of the Web Properties dialog

L’editoriale di Don Enzo Cosentino

È   trascorso   un   anno   da   quando,   nel   marzo   2020,   per   la   prima   volta   abbiamo   sperimentato le   misure   di   confinamento   o   di   blocco,   il   cosiddetto   lockdown,   misure   di   restrizioni   alla libera   circolazione   dovute   all’“emergenza   coronavirus”.   Durante   tale   periodo   sono   state sospesi   le   attività   didattiche,   i   servizi   di   ristorazione;   è   stato   decretato   inoltre   il   divieto   di assembramento   di   persone   in   luoghi   pubblici   o   aperti   al   pubblico.   Le   misure   sono   state allentate   a   partire   dai   primi   di   maggio   del   2020.   Questo   primo   periodo   di   lockdown   è   stato drammatico, non eravamo più abituati all’isolamento, al divieto di movimento e al divieto di incontro in luoghi pubblici o religiosi. Dopo    l’allentamento    delle    norme    restrittive    del    mese    di    maggio    dello    scorso    anno, abbiamo    affollato    le    vie    dei    nostri    centri    urbani,    le    spiagge    e    i    centri    commerciali, desiderosi di comunicare e di dialogare…
Era   un   modo   di   dire.   Il   primo   cristianu   che   si   presentava   in   piazza   di   mattina   si   soleva   dire che   apriva   la   piazza.   Per   meglio   fare   comprendere   l’ora   del   mattino   presto   diceva:   sta matina   a   rapìvi   iò,   ‘a   chiazza.   E   quando,   la   sera   tardi,   e   d’estate   a   notte   inoltrata,   gli   ultimi decidevano, finalmente, di andare a letto, qualcuno diceva: chi ‘ffà chiuiemu a chiazza? I   primi   esercizi   pubblici   ad   aprire   i   battenti   erano   i   bar:   di   don   Pippinu   (bar   Roma)   e   di   don Antoni (Antonio Zabianchi)che si trovava accanto al Salone di mastru Michele Perniciaro. Al   bar   Zabianchi   si   potevano   apprezzare   iris,   cartocci,   taralle   e   tetù,   cannoli   e   pasticcini (con   il   loro   pirottino),   gelati,   spongati,   granite,   …   a   seconda   della   stagione.   ‘Nu   iucamu   un cartocciu?   E   comu?   rispondeva   un   altro.   ‘O   cirinu   Il   tutto   consisteva   nel   far   riempire   a   don Antonio   in   segreto   i   cartocci   con   la   crema   di   ricotta,   infilando   un   fiammifero   in   uno   a   caso. A chi capitava il fiammifero … pagava per tutti.…

‘a chiazza’ di Tonino Schillizzi

La   maestra   Nina,   secondo   me,   non   ha   scelto   a   caso   la   professione   a   cui   si   è   dedicata   per tanti   anni:   ha   centrato   la   sua   azione   educativa   per   favorire   un’armonia   totale   fra   i   rapporti sociali   e   l’intimità   con   la   natura,   che   apprezzava   e   rispettava   particolarmente.   Se,   nella classe   a   lei   affidata,   ci   sarà   qualche   allievo   più   discolo,   rifiutato   da   tutti,   sarà   lei   a   farsi carico   del   suo   inserimento   al   pari   degli   altri.   La   tecnica   usata   sarà   certamente   quella studiata     alle     magistrali,     ma     soprattutto     quella     saggezza     operosa     che     la     porta     a documentarsi   costantemente   in   riviste   e   testi   educativi.   Nina   è   stata   una   brava   maestra, una   bravura   che   nasceva   dalla   semplicità   del   suo   cuore,   intrecciata   indubbiamente   con   la bontà.   Dedicarsi   bene   e   totalmente   alle   cose   che   si   prefiggeva   di   fare   le   era   naturale   e trovava linfa dalla formazione spirituale ricevuta e ricercata che l’ha portata ad impegnarsi come educatrice-catechista in parrocchia…

Nina Lo Monte, una vita da credente  di Totò Perniciaro

Un legame oltre le distanze in ricordo di Lillo Piscitello di A. Perniciaro

Il   20   novembre   2020   il   nostro   paese   iniziava   a   tirare   un   respiro   di   sollievo,   dopo   i   numerosi casi   di   Covid   -   19   che   avevamo   riscontrato   nell’ultimo   periodo.   Una   notizia   ci   ha   sconvolti   e colti   del   tutto   impreparati:   la   morte   di   Lillo   Piscitello,   deceduto   solo   pochi   giorni   dopo   aver scoperto   di   essere   positivo   al   Covid   –   19.   Ma   come   poteva   una   malattia   aver   avuto   la meglio su un uomo pieno di grinta, di vitalità, giovanile e amante della vita? All’   anagrafe   era   Carmelo   Piscitello   ma   tutti   lo   conoscevamo   come   Lillo,   perché   così   voleva essere   chiamato,   non   importava   se   eri   suo   coetaneo   o   quaranta   anni   più   piccolo,   eri obbligato   a   dargli   del   tu   e   guai   a   chiamarlo   dottor   Piscitello,   se   succedeva   eri   prontamente rimproverato   perché   “Tra   noi   paesani,   non   possiamo   darci   del   lei”.   Perché   Lillo   anche   se viveva ormai da tanti anni a Palermo era un Mezziusaro…
Add your one line caption using the Image tab of the Web Properties dialog
copyright ©  www.ecodellabrigna.it  -  realizzato e curato da Vincenzo Di Grigoli  
co della Brigna
Add your one line caption using the Image tab of the Web Properties dialog Add your one line caption using the Image tab of the Web Properties dialog

l’editoriale di Don Enzo Cosentino

 

‘a chiazza’ di Tonino Schillizzi

   Nina Lo Monte, una vita da credente  di Totò Perniciaro

     
periodico bimestrale di informazione religiosa cultura e attualità
e
Add your one line caption using the Image tab of the Web Properties dialog
È   trascorso   un   anno   da   quando,   nel   marzo   2020, per    la    prima    volta    abbiamo    sperimentato    le misure   di   confinamento   o   di   blocco,   il   cosiddetto lockdown,      misure      di      restrizioni      alla      libera circolazione    dovute    all’“emergenza    coronavirus”. Durante   tale   periodo   sono   state   sospesi   le   attività didattiche, i servizi di ristorazione…
Era    un    modo    di    dire.    Il    primo    cristianu    che    si presentava   in   piazza   di   mattina   si   soleva   dire   che apriva   la   piazza.   Per   meglio   fare   comprendere   l’ora del   mattino   presto   diceva:   sta   matina   a   rapìvi   iò,   ‘a chiazza.   E   quando,   la   sera   tardi,   e   d’estate   a   notte inoltrata, gli ultimi decidevano…
La   maestra   Nina,   secondo   me,   non   ha   scelto   a   caso la   professione   a   cui   si   è   dedicata   per   tanti   anni:   ha centrato     la     sua     azione     educativa     per     favorire un’armonia   totale   fra   i   rapporti   sociali   e   l’intimità con     la     natura,     che     apprezzava     e     rispettava particolarmente…
Il   20   novembre   2020   il   nostro   paese   iniziava   a   tirare un   respiro   di   sollievo,   dopo   i   numerosi   casi   di   Covid -   19   che   avevamo   riscontrato   nell’ultimo   periodo. Una     notizia     ci     ha     sconvolti     e     colti     del     tutto impreparati:    la    morte    di    Lillo    Piscitello,    deceduto solo pochi giorni dopo…

Un legame oltre le distanze

Add your one line caption using the Image tab of the Web Properties dialog n°131 online n°131 online

In ricordo di Lillo Piscitello di Annalisa Perniciaro