copyright ©  www.ecodellabrigna.it  -  realizzato e curato da Vincenzo Di Grigoli
periodico bimestrale di informazione religiosa cultura e attualità
CO DELLA BRIGNA
n°121 online n°121 online Add your one line caption using the Image tab of the Web Properties dialog
Add your one line caption using the Image tab of the Web Properties dialog
e
Add your one line caption using the Image tab of the Web Properties dialog

l’editoriale di Don Enzo Cosentino

Add your one line caption using the Image tab of the Web Properties dialog
Durante le vacanze estive, come seminaristi dell’Eparchia di Piana degli Albanesi presso il Seminario   arcivescovile   di   Monreale,   ci   recavamo   ogni   anno   a   Trappeto   (PA)   presso   una modesta   villetta   di   un   benefattore   per   trascorrere   un   periodo   di   sano   riposo.   La   villetta era   confinante   con   il   Centro   “Borgo   di   Dio”   ideato   e   realizzato   da   Danilo   Dolci   (1924   - 1997),   uomo   straordinario,   sociologo,   poeta,   educatore   e   attivista   della   nonviolenza,   che successivamente   ho   avuto   la   possibilità   di   intervistare   per   un   lavoro   in   preparazione   al mio   esame   di   stato.   Per   recarci   al   mare,   ogni   giorno   percorrevamo   a   piedi   un   viottolo   dove in   un   grande   masso   vi   era   un   murale   realizzato   da   giovani   provenienti   da   ogni   parte   del mondo   e   d’Italia   che   dimoravano   presso   il   centro   “Borgo   di   Dio”;   nel   murale   era   raffigurata la figura di un Papa, assorto in preghiera, mentre gli Ebrei morivano nei forni crematori...
Negli   ultimi   tempi   per   il   nostro   paese   si   è   accesa   la   ribalta   della   notorietà   e   a   cadenza settimanale   un   programma   televisivo   de   La7   ci   ha   dedicato   ampissimi   spazi.   Praticamente ogni   domenica   nel   piatto   forte   di   “Non   è   l’Arena”,   condotto   da   Massimo   Giletti   con   ospiti noti   in   studio   e   qualche   spalla   fissa,   si   è   parlato   della   mafia   dei   pascoli,   delle   sue   vittime   e della   gente   di   Mezzojuso.   I   reporter   del   programma   hanno   indagato   per   cercare   conferme alla     loro     teoria     a     sostegno     dell’impegno     profuso     in     favore     delle     sorelle     Napoli, imprenditrici   agricole   che   hanno   denunciato   di   aver   subito   danneggiamenti   alle   loro   terre e    intimidazioni    di    matrice    mafiosa    e    di    non    aver    potuto    contare    sul    sostegno    della comunità.   Questa   la   tesi   del   programma:   Mezzojuso   è   un   paese   abitato   in   larga   parte   da gente omertosa, insensibile, codarda e amministrato da un Sindaco…

Un pugno di crusca al vento di Lillo Pennacchio 

Ci sono momenti storici che sono stati significativi per la Sicilia, ma che rischiano di essere dimenticati    o    comunque    di    non    essere    tenuti    in    debito    conto.    Il    sacrificio    dei    tanti sindacalisti   che   furono   trucidati   dalla   mafia   tra   il   1947   e   il   1966   rappresenta   sicuramente un   momento   importante   per   la   Sicilia   e   per   il   nostro   paese.   Difatti   si   esplicò,   in   quel periodo,   il   conflitto   tra   i   capitalisti   fondiari   e   i   lavoratori   della   terra.   Sessanta   furono   i dirigenti   sindacali   e   i   contadini   uccisi   in   Sicilia,   di   cui   27   nella   provincia   di   Palermo.   La Sicilia   di   quell’epoca   era   ancora   una   Sicilia   feudale   dove   i   proprietari   terrieri,   appartenenti alla   classe   aristocratica,   avevano   affidato   la   gestione   delle   terre   ai   gabelloti,   che   altro   non erano che gli intermediari tra i proprietari e i contadini…

Lotta per la terra e contro la mafia nella sicilia del secondo dopo guerra 

L’irresistibile richiamo: la televisione e i paesi di Nicola Grato

 

Abbiamo   avuto   e   forse   avremo   ancora   la   televisione   a   Mezzojuso.   Com’è   noto,   infatti,   le telecamere    della    trasmissione    televisiva    “Non    è    l’Arena”,    condotta    da    Massimo    Giletti, hanno    acceso    la    luce    sul    caso    delle    sorelle    Napoli,    le    quali    sorelle    hanno    raccontato davanti   alle   telecamere   la   loro   vicenda   di   vessazioni   subìte.   Protagonisti   di   questa   storia, oltre   alle   citate   sorelle,   alcuni   mezzojusari   e   il   Sindaco,   chiamati   a   discutere   su   questo caso.   Fin   qui   il   racconto   lineare   di   una   vicenda   che   ha   animato   e   ancora   anima   discussioni nei   bar,   nelle   case,   nelle   strade:   l’avvento   della   televisione   in   un   piccolo   paese   non   passa inosservato, com’è ovvio. Tanto più oggi vale la definizione di Mac Luhan, che applichiamo alle nostre contrade: Mezzojuso è sì un villaggio, ma globale, un luogo mondo…

di Francesco Piastra 

copyright ©  www.ecodellabrigna.it  -  realizzato e curato da Vincenzo Di Grigoli  
co della Brigna
Add your one line caption using the Image tab of the Web Properties dialog Add your one line caption using the Image tab of the Web Properties dialog

l’editoriale di Don Enzo Cosentino

 

Un pugno di crusca al vento di Lillo Pennacchio

Lotta per la terra e contro la mafia…di Francesco Piastra

     
periodico bimestrale di informazione religiosa cultura e attualità
e
Add your one line caption using the Image tab of the Web Properties dialog
Durante     le     vacanze     estive,     come     seminaristi dell’Eparchia di Piana degli Albanesi presso il Seminario   arcivescovile   di   Monreale,   ci   recavamo ogni   anno   a   Trappeto   (PA)   presso   una   modesta villetta    di    un    benefattore    per    trascorrere    un periodo di sano riposo…
Negli   ultimi   tempi   per   il   nostro   paese   si   è   accesa   la ribalta   della   notorietà   e   a   cadenza   settimanale   un programma     televisivo     de     La7     ci     ha     dedicato ampissimi   spazi.   Praticamente   ogni   domenica   nel piatto     forte     di     “Non     è     l’Arena”,     condotto     da Massimo Giletti con ospiti noti…
Ci   sono   momenti   storici   che   sono   stati   significativi per la Sicilia, ma che rischiano di essere dimenticati    o    comunque    di    non    essere    tenuti    in debito   conto.   Il   sacrificio   dei   tanti   sindacalisti   che furono trucidati dalla mafia tra il 1947 e il 1966
Abbiamo      avuto      e      forse      avremo      ancora      la televisione    a    Mezzojuso.    Com’è    noto,    infatti,    le telecamere    della    trasmissione    televisiva    “Non    è l’Arena”,   condotta   da   Massimo   Giletti,   hanno   acceso la   luce   sul   caso   delle   sorelle   Napoli,   le   quali   sorelle hanno raccontato davanti alle telecamere…
Add your one line caption using the Image tab of the Web Properties dialog

L’irresistibile richiamo: la televisione e i paesi di Nicola Grato