copyright ©  www.ecodellabrigna.it  -  realizzato e curato da Vincenzo Di Grigoli
periodico bimestrale di informazione religiosa cultura e attualità
CO DELLA BRIGNA
ultima edizione online ultima edizione online Add your one line caption using the Image tab of the Web Properties dialog

Please Install The Flash Player

Add your one line caption using the Image tab of the Web Properties dialog
e
Add your one line caption using the Image tab of the Web Properties dialog

n°116 l’editoriale di Don Enzo Cosentino

Add your one line caption using the Image tab of the Web Properties dialog
Hannah    Arendt    per    spiegare    la    violenza    insensata    del    nazismo,    perpetrata    in    nome dell’obbedienza,   parla   della   banalità   del   male.   Nel   film   argentino   Il   Clan,   diretto   da   Pablo Rapero,   viene   raccontata   la   storia   vera   di   una   famiglia   argentina   nel   periodo   successivo alla   dittatura,   dove   dietro   l’aspetto   bonario   (frequenza   ai   Sacramenti,   pre-   ghiera   prima   e dopo    i    pasti...),    si    nasconde    un’anima    senza    scrupoli.    Una    famiglia    molto    unita,    dove nonostante   tutto,   emerge   una   ferocia   inaudita:   sequestri   di   persone   con   relative   estor- sioni   etc.   Anche   quando   il   padre   con   i   due   fratelli   maggiori   finiscono   in   carcere,   la   sorella in   un   colloquio   dice   ad   Alex:   “ricordati   che   papà   lo   ha   fatto   per   noi”.Il   male?   Ma   cosa   è   il male?   Voltare   lo   sguardo   in   un   altrove   diverso   da   Dio,   ecco   cosa   è   il   male.   È   alla   portata   di tutti    il    male,    la    sua    attuazione    è    semplice    e    il    più    delle    volte    soddisfacente,    almeno all’inizio, poiché risponde a quel desiderio oscuro che talvolta si annida…
Pirandello    era    un    maestro    nell’osservazione    degli    atteggiamenti    umani,    e    a    me    piace molto   essere   preso   per   pazzo,   specialmente   quando   è   in   gioco   la   verità.   Iniziamo   dalla fine,   tralasciando   qualche   dettaglio   per   questioni   di   spazio!   Martedì   27   settembre,   per esclusiva    mediazione    di    Servo    Michele,    con    una    delegazione    del    Consiglio    Pastorale Parrocchiale   della   Parrocchia   Latina   di   Mezzojuso,   siamo   stati   ricevuti   dal   Vescovo   di   Piana degli     Albanesi     per     rappresentare     all’unanimità     alcune     perplessità     sul     “cambio     di destinazione”   (eufemismo   usato   dal   Vescovo)   del   nostro   parroco   don   Enzo   Cosentino.   In pratica,   è   stata   consegnata   al   Vescovo   una   lettera   redatta   in   seno   al   Consiglio   Pastorale, dove    si    evidenziava    la    buona    attività    pastorale    e    sociale    di    don    Enzo    nella    comunità mezzojusara..…

Padre G. Guzzetta e il Collegio di Maria di Piana degli Albanesi 

«Va   fa’   un   mazzu   ri   filicicchia».   Un   ordine   preciso   che   voleva   anche   dire   che   era   ora   di mungere;   le   foglie   di   felci,   infatti,   servivano   a   creare   un   ulteriore   filtro   nel   colalatte,   costi- tuito   da   un   setaccio,   più   piccolo   di   quello   che   si   usava   per   la   farina,   una   bacchetta   di legno   fuchiatu:   u   spitu,   che   si   infilava   nei   piccoli   manici   di   fil   di   ferro   e   che,   poggiato   sui bordi   della   tina   di   doghe   di   legno,   permetteva   di   sospendere   il   colalatte   al   suo   interno.   Le felci,   opportunamente   lavate   e   ripulite   delle   parti   più   grosse   dello   stelo,   si   sistemavano   a più   strati   dentro   il   colalatte   comprimendole;   così   si   impediva   a   impurità   di   varia   natura, crini, terriccio, spine e quant’altro di finire nel    latte.    La    tina    veniva    ricoperta    con    una    piccola    coltre,    di    solito    ricavata    cucendo insieme   più   strati   di   una   vecchia   visazza   ormai   inutilizzabile,   si   chiamava   ciddizzu;   aveva   la duplice funzione di prevenire che qualche impurità finisse accidentalmente…

Ooh Curatulu! di Lillo Pennacchio

 

Lotteria Mastro di Campo 2016 - bilancio consuntivo

Nell’ambito    del    Carnevale    2016,    l’Associazione    Turistica    Pro    Loco    di    Mezzojuso    ha promosso   l’iniziativa   denominata   “Lotteria   del   Mastro   di   Campo   2016”.   L’idea   è   nata   ad ottobre   2015,   in   prossimità   dell’organizzazione   della   Sagra   della   Castagna,   con   l’intento   di raccogliere   dei   fondi   attraverso   una   lotteria   da   destinare   sia   per   il   completamento   della collezione   dei   costumi   già   realizzati   con   il   progetto   Mezzojuso   Ecotour,   sia   per   l’acquisto   di accessori    e    attrezzature    da    scena    connesse    alla    manifestazione.    I    biglietti    sono    stati venduti   fino   all’edizione   2016   del   Mastro   di   Campo,   in   occasione   della   quale   la   maschera del   Foforio   ha   contribuito   a   sostenere   l’iniziativa   tramite   la   vendita   dei   tagliandi   all’interno del   proprio   covo.   Il   sorteggio   dei   premi   messi   in   palio   è   avvenuto   pubblicamente   martedì   9 febbraio 2016 nel salone del castello comunale…
SELEZIONE    DI    N    11    VOLONTARI    DA    IMPIEGARE    NEL    PROGETTO    DI SERVIZIO   CIVILE   NAZIONALE   DAL   TITOLO   “COME   PICCOLI   FANCIULLI   PIANA DEGLI ALBANESI”
SELEZIONE DI N 4 VOLONTARI DA IMPIEGARE NEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE DAL TITOLO “RIFUGIO DEL VIANDANTE – PIANA DEGLI ALBANESI”
copyright ©  www.ecodellabrigna.it  -  realizzato e curato da Vincenzo Di Grigoli  
co della Brigna
Add your one line caption using the Image tab of the Web Properties dialog Add your one line caption using the Image tab of the Web Properties dialog

n°116 l’editoriale di Don Enzo Cosentino

Padre G. Guzzetta e il Collegio di Maria 

Ooh Curatulu! di Lillo Pennacchio

 

     
periodico bimestrale di informazione religiosa cultura e attualità
e
Add your one line caption using the Image tab of the Web Properties dialog
Hannah   Arendt   per   spiegare   la   violenza   insensata del   nazismo,   perpetrata   in   nome   dell’obbedienza, parla   della   banalità   del   male.   Nel   film   argentino   Il Clan,   diretto   da   Pablo   Rapero,   viene   raccontata   la storia   vera   di   una   famiglia   argentina   nel   periodo successivo    alla    dittatura,    dove    dietro    l’aspetto bonario (frequenza ai Sacramenti…
Pirandello   era   un   maestro   nell’osservazione   degli atteggiamenti   umani,   e   a   me   piace   molto   essere preso   per   pazzo,   specialmente   quando   è   in   gioco la   verità.   Iniziamo   dalla   fine,   tralasciando   qualche dettaglio     per     questioni     di     spazio!     Martedì     27 settembre, per esclusiva mediazione di
«Va   fa’   un   mazzu   ri   filicicchia».   Un   ordine   preciso che   voleva   anche   dire   che   era   ora   di   mungere;   le foglie   di   felci,   infatti,   servivano   a   creare   un   ulteriore filtro   nel   colalatte,   costi-   tuito   da   un   setaccio,   più piccolo    di    quello    che    si    usava    per    la    farina,    una bacchetta di legno fuchiatu.

Lotteria Mastro di Campo 2016

 

Nell’ambito     del     Carnevale     2016,     l’Associazione Turistica    Pro    Loco    di    Mezzojuso    ha    promosso l’iniziativa     denominata     “Lotteria     del     Mastro     di Campo    2016”.    L’idea    è    nata    ad    ottobre    2015,    in prossimità     dell’organizzazione     della     Sagra     della Castagna, con l’intento di raccogliere.…
Add your one line caption using the Image tab of the Web Properties dialog
SELEZIONE DI N 4 VOLONTARI DA IMPIEGARE NEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE DAL TITOLO “RIFUGIO DEL VIANDANTE – PIANA DEGLI ALBANESI”
SELEZIONE    DI    N    11    VOLONTARI    DA    IMPIEGARE    NEL    PROGETTO    DI SERVIZIO   CIVILE   NAZIONALE   DAL   TITOLO   “COME   PICCOLI   FANCIULLI   PIANA DEGLI ALBANESI”